Questo blog vuole essere una semplice guida per fare cose carine, ma facili da fare. Molte di noi non hanno molta manualità, ma vorrebbero fare qualcosa con le proprie mani, pensano di non riuscire e non ci provano neanche. Invece vi consiglio di provare e vedrete che magari la prima volta non sarà un capolavoro, ma poi con un pò di buona volontà e pazienza riuscirete a portare a termine il vostro lavoro!!! Grazie e buon lavoro.

giovedì 20 febbraio 2014

Trasformiamo l'acquario in terrarium

Quando mia figlia abitava ancora con noi, prima che si sposasse, desiderava avere un acquario, sembrava una cosa di vitale importanza. Mi convinse e facemmo questo benedetto acquario. All'inizio tutto bene, se ne occupava lei. Questo però è durato poco. Non parliamo dei soldi spesi fra pesci che morivano e piante che si seccavano, la pulizia che lei non faceva perchè non aveva tempo, così chi si doveva sobbarcare tutto il lavoro era sempre la sottoscritta. Non potevo certo vedere alghe attaccate ai vetri e far fatica a vederci dentro quindi lo facevo per forza. Poi quando si è sposata non l'ha voluto perchè a casa sua non aveva posto e quindi me lo ha lasciato. Ho resistito per qualche anno, poi per fortuna ha cominciato a perdere acqua in un angoletto, ho tolto tutto, tanto c'erano rimasti 3 pesci che non avrebbe voluto neanche il gatto. Ho comprato pure il silicone per turare il buchetto ma non l'ho mai aggiustato. E' rimasto così vuoto e triste per qualche tempo ancora, fino a che la mia mente non ha avuto un'idea geniale: metterci delle piante e trasformarlo in un terrarium. Mi sono documentata sul web e ho trovato molti esempi con nomi di piante che potevano vivere in un ambiente chiuso e senza troppa aria. Molti ci mettono animaletti tipo tartarughine o piccoli rettili, ma al pensiero che possono uscire fuori e girarmi per casa , mi tengo l'acquario triste e vuoto. Così mi sono messa all'opera, ho pulito bene i vetri dentro e fuori, o riutilizzato la ghiaia che c'era nell'acquario con l'acqua, ho sparso qua e là dei sassi  e messo dei tronchetti trovati in giro. Ho lasciato la luce che c'era prima, ho cercato le piantine che dicevano sul web ed ecco cosa ne è venuto fuori. Non è carino? Al centro ho messo una pianta che si chiama Hoia o pianta di vetro, di lato il noto Pothos. Le piante godono ottima salute e come elemento di arredamento fa la sua figura. Buon lavoro.






2 commenti:

  1. Bella idea di riutilizzo... se vuoi un animaletto che non sporchi, che non mangi e che non cammini in giro potresti mettere una tartaruga dipinta su sasso... più ferma di così :D
    Buon tutto, elena

    RispondiElimina
  2. Grazie dell'idea Elena!!!!Ciao, ciao!

    RispondiElimina

Immagini dei temi di UteHil. Powered by Blogger.

© Centomilaidee, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena